Cosa dovrebbe fare la NASA invece di una missione di recupero di asteroidi

Un professore afferma che un’indagine sugli asteroidi rappresenterebbe un uso migliore del tempo e del denaro della NASA.

Criticacontinua a crescere per la Asteroid Retrieval Mission (ARM) della NASA, il piano dell’agenzia spaziale per catturare un pezzo di asteroide largo 10 metri e portarlo in orbita lunare per ulteriori analisi. Tra le lamentele degli esperti: la missione è costosa; non approfondisce realmente la nostra conoscenza degli asteroidi; e non ci aiuta ad arrivare su Marte.

Quindi cosa dovrebbe fare la NASA invece di ARM? Richard Binzel, professore di scienze planetarie del MIT, afferma di avere la risposta.

Alcuni mesi fa, Binzel ha presentato a critica schiacciante di ARM, definendolo un "dare agli astronauti qualcosa da fare" e sostenendo che avrebbe distrutto la Divisione di Scienze Planetarie della NASA. Come abbiamo spiegato in agosto, ARM è il sottoprodotto della sfida lanciata dal presidente Obama alla NASA di inviare astronauti su un asteroide; un budget limitato ha invece trasformato quell'idea in una missione di recupero. Ma la mancanza di visione del piano e

costo esorbitante potrebbe essere una battuta d’arresto per il viaggio della NASA su Marte, ha sostenuto Binzel.

Ora in un nuovo pezzo di commento pubblicato nel rivista Natura, Binzel critica ancora una volta ARM, ma offre anche quella che considera la migliore alternativa: una missione di rilevamento degli asteroidi. Suggerisce che la NASA conduca una valutazione di tutti gli asteroidi vicini alla Terra per determinare quali potremmo plausibilmente visitare in futuro. Quindi, la NASA dovrebbe inviare una missione con equipaggio su una delle migliori rocce interplanetarie che possiamo trovare.

“Centinaia se non migliaia di asteroidi orbitano molto vicino alla Terra e possiamo facilmente dirigerci verso uno di essi. Tutto quello che dobbiamo fare è trovarli prima.

"Ci sono circa 10 milioni di asteroidi vicini alla Terra in orbita tra la Terra e Marte che sono più grandi di 10 metri di diametro", dice Binzel. Scienza popolare. “Centinaia se non migliaia orbitano molto vicino alla Terra e possiamo facilmente raggiungerne uno senza bisogno di recuperarlo. Tutto quello che dobbiamo fare è trovarli prima.

L’idea di un’indagine sugli asteroidi non è un concetto nuovo. Numerose aziende private lo hanno fatto interessarsi all'idea, soprattutto perché molti vogliono trovare asteroidi mio a scopo di lucro. La NASA ha anche tentato di effettuare indagini sugli asteroidi in passato, ma tali sforzi non hanno avuto fruttuosi. Secondo l’articolo di Binzel, “abbiamo rilevato appena lo 0,1% degli [asteroidi vicini alla Terra] perché la nostra attuale rete di rilevamento degli asteroidi è non all’altezza del compito.” Inoltre, la NASA spende solo 20 milioni di dollari all’anno per la ricerca degli asteroidi, non abbastanza per mappare veramente l’asteroide. cintura.

Le orbite degli asteroidi di cui siamo a conoscenza. I dati utilizzati per questa immagine provengono dallo Small Body Database della NASA JPL e dal Minor Planet Center. Il rendering 3D è stato compilato da Asterank.

Trovarli prima

Le orbite degli asteroidi di cui siamo a conoscenza. I dati utilizzati per questa immagine provengono dallo Small Body Database della NASA JPL e dal Minor Planet Center. Il rendering 3D è stato compilato da Asterank.

Binzel prevede che la NASA conduca un concorso per l’indagine iniziale nello stesso modo in cui l’agenzia ha messo l’una contro l’altra le società private per l’indagine iniziale. ambiti contratti per equipaggi commerciali. In questo modo, varie società esterne potrebbero trovare modi unici e diversi per trovare gli asteroidi (la maggior parte probabilmente utilizzando telescopi di rilevamento spaziali), e poi la NASA potrebbe scegliere il metodo di localizzazione degli asteroidi che preferisce migliore.

Una volta che la NASA sceglie la sua tecnologia di rilevamento preferita, può individuare gli asteroidi più vicini e più facili verso cui possiamo viaggiare. Poiché queste rocce sono così vicine, Binzel afferma che una missione su un asteroide non richiederà molta propulsione missilistica e l’intero viaggio potrebbe svolgersi nel giro di poche settimane. Una missione del genere potrebbe essere cruciale per raggiungere eventualmente il pianeta rosso.

“L’idea è una missione di breve durata e di prossimità che ci dia la nostra prima esperienza nel lasciare la culla del nostro sistema Terra-Luna. Questi asteroidi si trovano nello spazio interplanetario e dobbiamo imparare a volare nello spazio interplanetario se mai vorremo andare su Marte. Quindi il vero valore è il test operativo per raggiungere lo spazio interplanetario”.

Oltre a questo obiettivo a lungo termine, Binzel fornisce molte altre ragioni per visitare gli asteroidi, oltre a suggerimenti per realizzarlo:

  1. Nessun hardware aggiuntivo richiesto: Gli asteroidi hanno un’attrazione gravitazionale molto bassa, il che significa che le future missioni con equipaggio non richiederanno la costruzione di un lander specializzato per l’atterraggio. La navicella spaziale dovrebbe semplicemente raggiungere l’asteroide e volare al suo fianco, quindi gli astronauti camminerebbero nello spazio per incontrarlo.
  2. Possiamo farlo a buon mercato: In questo momento, ARM costerà oltre 2 miliardi di dollari togliere. L’idea del sondaggio sarà incredibilmente economica, soprattutto se la NASA incentiva le aziende private a trovare il metodo migliore per localizzare gli asteroidi. Per quanto riguarda la parte della missione con equipaggio? Binzel afferma che il denaro potrebbe provenire dal budget complessivo della NASA, poiché la missione rientra in molti settori diverse categorie, tra cui la tecnologia dei telescopi spaziali, il volo spaziale umano, l'esplorazione planetaria, e altro ancora.
  3. Conoscere il nostro sistema solare: Simile a quello che La missione di Rosetta spera di realizzarsi, la raccolta di campioni di asteroidi nella loro orbita naturale può dirci molto su come era il sistema solare quando si formò miliardi di anni fa.
  4. Il punto di vista salvifico dell’umanità: Una delle massime priorità autodichiarate dalla NASA è trovare asteroidi che potrebbero avere un impatto sulla Terra. Eppure la NASA lo ha fatto fallì completamente in quel compito. Se l’agenzia spaziale può affinare la sua tecnologia di rilevamento, non sarà utile solo per trovare asteroidi verso cui viaggiare, ma anche per trovare quelli che un giorno potrebbero distruggere la vita come la conosciamo. E prima li troviamo, prima possiamo intervenire.

Con ARM così com'è adesso, gli astronauti saranno in grado di esaminare solo un asteroide largo 10 metri al di fuori del suo habitat naturale. Binzel e altri hanno notato che ogni settimana asteroidi larghi 10 metri passano vicino alla nostra Luna e molti piccoli meteoriti colpiscono continuamente il nostro pianeta. Non c’è davvero niente di speciale nel portare un altro piccolo asteroide più vicino alla Terra.

“ARM è controverso. Il sondaggio non lo è”, afferma Binzel. “Piuttosto che recuperare un piccolo asteroide, un sondaggio ti offre migliaia di destinazioni accessibili a una frazione del costo. Cosa c'è che non va?"

Ultimo post sul blog

Il drone in fibra di carbonio sembra un aeroplano di carta resistente
August 21, 2023

In tutto tranne che nel materiale, Carbon Flyer è un elegante aeroplano di carta. Con due eliche e un controller Bluetooth, è molto simile all'aero...

No, la FAA non abbatterà i droni del Super Bowl
August 21, 2023

Se qualcuno lo fa, sarà il NORAD. O poliziotti locali. È una cattiva idea far volare un drone vicino al Super Bowl la domenica del Super Bowl. La ...

La FAA e i partner del settore dei droni lanciano la campagna "Conosci prima di volare".
August 21, 2023

Droni! Sono ovunque in questi giorni, sia esso combattere i canguri, molestando commensali occasionali con vischio, o aspettare avvolto sotto gli a...